Denti che si muovono, cosa fare?

Denti che si muovono, cosa fare?

 

Denti che si muovono, cosa fare?

Prima di affrontare il “cosa fare”, è bene analizzare brevemente questo argomento. Può capitare che i denti (non quelli da latte) si muovano e tutti quelli che vivono questa esperienza hanno esattamente le stesse reazioni: disagio, preoccupazione.


Se da una parte l’estetica del nostro sorriso viene a mancare, dall’altra anche la funzionalità della dentatura è messa a repentaglio. Dunque, non solo la nostra autostima viene momentaneamente minata, ma anche la possibilità di parlare, sorridere, ridere e mangiare serenamente.


Sicuramente non è del tutto normale che i denti si muovano e sicuramente la prima cosa da fare è contattare il vostro dentista di fiducia per fissare una visita specialistica. Ma come mai i denti si muovono?


Denti che si muovono, possibili cause

In condizioni fisiologiche normali, grazie al parodonto, i denti hanno una certa mobilità all’interno del proprio alveolo. 

Cos’è il parodonto? È l’insieme dei tessuti che hanno la funzione di sostenere i denti. Dunque è l’insieme di gengive, cemento radicolare, osso alveolare e legamenti parodontali. È grazie al parodonto che le radici dei denti sono legati all’osso sottostante.

Ecco quindi che, solitamente, se i denti “ballano” è colpa di una parodontite, cioè un’infiammazione del parodonto. Quando è in atto un’infiammazione da parodontite, infatti, le gengive si scollano e regrediscono, facendo quindi meno presa sui denti che, di conseguenza, risultano meno stabili.

Anche le gengiviti croniche (infiammazione forte delle gengive) possono far muovere i denti. I denti che “ballano” a causa della gengivite presentano un aspetto diverso: appaiono più lunghi perché il colletto gengivale che li circonda si abbassa notevolmente, lasciando sempre più scoperte le radici.

Infine, la terza motivazione per cui i denti “ballano” può essere un trauma ai denti e alla bocca.

Cosa fare?

La prima e unica cosa da fare è rivolgersi immediatamente al proprio dentista di fiducia. Prima di “bloccare” il dente che si muove, è cura del bravo dentista capire quali sono le cause che hanno portato a questa situazione.

Infatti, curare l’indebolimento strutturale è fondamentale per evitare che anche altri denti presentino in futuro problemi simili. A questo punto, a seconda delle cause scatenanti si possono attuare terapie diverse, come il curettage o una terapia parodontale conservativa.

È possibile prevenire la caduta dei denti? Assolutamente sì: visite periodiche, una adeguata igiene orale, un’alimentazione equilibrata e un corretto stile di vita possono evitare questo spiacevole problema.